Home » Uncategorized

Bubble Club

20 aprile 2018 No Comment

 

1

Vera e propria icona made in Kartell, il divano Bubble Club, in polietilene colorato in massa, è stato pioniere di un nuovo concetto di complemento d’arredo: il divano industriale interamente realizzato in materiale plastico.

Tecnologia e ricerca hanno, infatti, consentito a Kartell di produrre in serie un oggetto che da sempre veniva realizzato artigianalmente. Bubble Club è un divano a due posti major, caratterizzato dalla linea morbida dei braccioli in contrasto con quella più razionale dello schienale; una silhouette essenziale, che richiama le linee del “divano della nonna”. Grazie all’eccezionale resistenza agli agenti atmosferici, Bubble è ideale per arredare un giardino, un bordo piscina o un terrazzo.                                                               Premio Compasso D’Oro 2001

Materiale : Polietilene colorato in massa

Dimensioni :

Cod.6080 Tavolino : L.51,5 – H.41,5 – P.51,5

Cod.6070 Poltroncina : L.102 – H.78 – P.75

Cod.6050 Divano : L.189 – H.76 – P.75

Colorazioni Disponibili : 

Coprenti : 60/Bianco Zinco,61/Grigio Chiaro,64/Rosso Terra,65/Cipria,66/Verde,09/Nero.

Prezzo di listino 6050: €732,00                                                                                                               

 

Prezzo di listino 6070: €484,00                                                                                                               

 

Prezzo di listino 6080: €138,00                                                                                                               

 

 

24531


Miglior Prezzo Garantito 

100 guarantee stamp

Il prezzo di listino è puramente indicativo.
Per un preventivo gratuito contattaci all’indirizzo 
info@croccoarredamenti.it, pronto per te un prezzo speciale con 

 Consegna Gratis in Tutta Italia!

Kartell
Nel 1949 un ingegnere chimico italiano, Giulio Castelli, decise di costruire qualcosa di utile con la plastica, un materiale che allora non aveva ancora trovato diffusa applicazione. Nacque così, con la collaborazione del designer Gino Colombini, una delle aziende italiane più riconosciute al mondo: la Kartell.
Negli anni 60-70, epoca d’oro per la plastica, la Kartell diventò un simbolo del design italiano, entrando anche nella collezione del MoMA. Nel tempo si avvalse della collaborazione di nomi come Gae Aulenti e Ettore Sottsass, e poi Antonio Citterio, Ron Arad e Philippe Starck, autore della famosa sedia “Louis Ghost”, della quale ha detto: “In realtà, io in pratica non ho disegnato la sedia: è venuta fuori dalla memoria collettiva del mondo occidentale. Si è progettata da sola”.

Comments are closed.